Vela in Croazia

Vela in Croazia

La costa croata, punteggiata da centinaia di isole, è uno dei luoghi più belli per la navigazione da diporto in tutta Europa. Guardate voi stessi.

La Guida alla vela di yachting°com in Croazia

Se non avete ancora navigato in Croazia, vi aspetta una bella sorpresa! La vasta costa croata è fiancheggiata da centinaia di isole ed è uno dei luoghi più belli d'Europa per la navigazione. La costa e le isole fondono perfettamente la bellezza naturale con la ricchezza della storia e offrono un'eccellente infrastruttura per la navigazione da diporto sotto forma di porti turistici, porti cittadini, ristoranti sulle isole e campi boe.

Perché navigare in Croazia?

  • La vasta costa croata è fiancheggiata da centinaia di isole.
  • Navigate in un mare calmo con un vento leggero al riparo delle isole. Non dovrete affrontare lunghe traversate, ma potrete comunque navigare in mare aperto.
  • Numerosi porti turistici completati da servizi di alta qualità.
  • Brevi distanze di navigazione tra le isole e le baie.
  • Le acque sono blu turchese e cristalline.
  • La cucina croata offre un delizioso mix di cucina mediterranea e italiana e una superba selezione di vini.

Chiedetemi informazioni sulla navigazione in Croazia.

Numeri internazionali:

REGNO UNITO: +44 208 08 98 515

DE: +49 211 90 76 22 22

CZ: +420 222 528 222

SK: +421 232 195 340

PL: +48226 887 837

Lasciate i vostri dati di contatto qui sotto:

Aree di navigazione in Croazia

La costa è lunga quasi 2.000 km, con più di 600 isole solo nel Mare Adriatico. Ciò significa che le possibilità di navigazione sono molteplici. Navigare in un mare calmo con un vento leggero al riparo delle isole senza dover percorrere lunghe distanze, oppure in mare aperto con tutto ciò che comporta. I porti turistici con servizi di alta qualità sono vicini l'uno all'altro e attualmente sono più di 50 quelli disponibili.

Pola e il Golfo del Quarnero (Kvarner Bay)

La costa occidentale della penisola istriana, bassa e ondulata, è una destinazione turistica molto popolare. Questa zona è un paradiso per i velisti e gli escursionisti appassionati. Ma ha anche qualcosa da offrire alle famiglie con bambini con le sue numerose spiagge sabbiose e il mare caldo.


La costa orientale dell'Istria è più adatta a chi preferisce ormeggiare in baie più tranquille. Le isole del Quarnero sono piacevoli, ricche di baie romantiche e offrono la possibilità di scegliere tra punti di ormeggio appartati e porti più movimentati come Lussinpiccolo, Rab, Krk e Cres. Molte spiagge della regione dell'Istria e del Golfo del Quarnero hanno ricevuto il riconoscimento internazionale "Bandiera Blu".

#BBD0E0 "

Zara

Zara è la principale località della Dalmazia settentrionale. È una città ricca di storia, piena di monumenti, colori e delizie gastronomiche. La cucina locale è tra le più salutari al mondo ed è stata giustamente inserita nel patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO. Le innumerevoli isole, i porti e le baie tra Dugi Otok e Sebenico creano nella Dalmazia settentrionale le condizioni ideali per una vacanza in barca a vela nel cuore della natura. Chi desidera un po' di vita notturna troverà quello che cerca a Zara e a Vodice.

Tra i luoghi che meritano una visita ci sono il Parco Naturale di Telaščica, a sud di Dugi Otok, con il suo lago salato e le ripide scogliere bianche, e il Parco Naturale di Paklenica, un vero paradiso per gli escursionisti e gli scalatori.

Sebenico

Sebenico è la città più antica della costa adriatica. Questa antica città vanta una cultura variegata e una ricca storia. Da Sebenico si può risalire la corrente fino a Skradin. Da lì potrete raggiungere a piedi le cascate di Krka, che offrono uno dei più impressionanti scenari naturali.

Si consiglia anche una visita alle Kornati, parco nazionale e il più grande arcipelago croato.

Spaccatura

Qui le distanze tra i porti e le baie sono un po' più lunghe rispetto al nord. Ciononostante, ci sono ancora luoghi che incantano, che si tratti della splendida costa montuosa lungo la Riviera di Makarska, della pittoresca isola di Vis o dell'isola di Biševo con la sua ipnotica Grotta Azzurra.

È inoltre possibile visitare le antiche città di Trogir e Spalato con la loro caratteristica architettura. Da vedere anche l'isola di Hvar e la città di Stari Grad, ricca di monumenti storici ben conservati.

Dubrovnik

Una zona variegata e ricca di contraddizioni, più tranquilla e lontana dalle regioni settentrionali più trafficate. L'antica città di Korčula è affascinante, così come la cosiddetta "isola verde", il Parco Nazionale di Mljet con i suoi paesaggi mozzafiato, dove si trovano le famose baie di Polače e Okuklje. È inoltre possibile visitare l'arboreto sull'isola di Lokrum. Da qui si raggiunge facilmente Dubrovnik, la "Perla dell'Adriatico" e sito UNESCO. Dubrovnik è magnifica e ricca di storia. È anche rinomata per la sua vita notturna. Se cercate un luogo più tranquillo, c'è l'isola di Lastovo, più appartata.

Da Dubrovnik si può facilmente raggiungere la Baia di Cattaro, una baia montenegrina che si estende nell'entroterra.

Qual è il momento migliore per navigare?

La stagione nautica inizia ad aprile e termina alla fine di ottobre. Le estati sono calde e relativamente tranquille sull'Adriatico. La temperatura dell'aria sulle isole è più bassa rispetto alla terraferma e le ondate di calore non sono così intense. In genere, se soffiano venti di bora o di scirocco, durano solo per un periodo relativamente breve. Le tempeste di vento si verificano inaspettatamente in estate, ma passano rapidamente.

Condizioni climatiche e meteorologiche

Venti croati

L'Adriatico è generalmente considerato una regione con venti leggeri. In estate, la notte e la mattina presto lungo la costa orientale è per lo più calma piatta, con una leggera brezza occasionale. Durante il giorno, i venti particolarmente piacevoli per la navigazione soffiano da nord-ovest. Condizioni meno adatte alla navigazione da diporto si trovano lungo la costa orientale dell'Istria, lungo la costa tra Fiume e il mare di Cittanova e tra Spalato e Ulcinj.

Maestrale (brezza diurna) - Vento di bonaccia.

Un vento da sud-ovest a nord-ovest noto come Maestrale (a volte chiamato Maestrale o Maestro) predomina nell'Adriatico dall'inizio di giugno a metà settembre. Questo vento è causato dalle termiche diurne, colonne d'aria ascensionali formate dal riscaldamento irregolare della terraferma e del mare.

Di solito inizia a soffiare intorno alle 10:00 del mattino e può raggiungere un'intensità da 3 a 5 sulla scala Beaufort (BFT) nel pomeriggio. Al tramonto smette di soffiare. Il Mistral è considerato un vento di bel tempo perché è accompagnato da un cielo azzurro e senza nuvole e da temperature gradevoli in mare. Se non persiste il giorno successivo, potrebbe essere un segnale di peggioramento del tempo. Negli ultimi anni il Mistral ha soffiato un po' meno frequentemente rispetto al passato. Tuttavia, si verifica ancora, soprattutto nella zona intorno alle isole esterne.

La Bora - Raggiunge la forza di burrasca.

La Bora è specifica della costa orientale dell'Adriatico ed è un vento pericoloso. Soprattutto quando c'è un'alta pressione e il cielo è sereno, raffiche di vento tempestoso iniziano a soffiare da un cielo azzurro a nord-est, scendendo in superficie e gonfiandosi in coltri di schiuma sul mare e sulle isole. Il fenomeno della Bora è causato principalmente dalle Alpi Dinariche che corrono parallele alla costa orientale dell'Adriatico. Queste montagne non sono completamente interrotte da una profonda valle laterale attraverso la quale il vento freddo tra le montagne potrebbe fluire verso il mare. Un'altra condizione per la creazione di una Bora è la differenza di pressione atmosferica tra l'entroterra e l'Adriatico. Maggiore è la differenza di pressione, più probabile e pericolosa sarà la Bora.

Lo Scirocco - Vento di maltempo.


Lo Scirocco soffia da direzioni meridionali, principalmente da sud-est, e si differenzia dal Maestrale solo per la direzione del vento. Il tempo che porta sull'Adriatico è accompagnato da umidità, cielo coperto e frequenti rovesci. A volte, soprattutto in inverno, lo scirocco raggiunge la forza di burrasca. Tra metà giugno e metà settembre, lo scirocco compare raramente. In estate, dura 2-3 giorni e non raggiunge quasi mai una forza superiore a 7 BFT.


Tuttavia, da ottobre a maggio, questo vento soffia molto più spesso, più a lungo e con maggiore forza, fino a 9 BFT. Poiché lo scirocco soffia a lungo sul mare, crea grandi onde alte 3-4 m, soprattutto nell'Adriatico settentrionale. Ci sono luoghi pericolosi vicino alle coste del nord Italia dove le onde possono arrivare fino al fondo del mare. Ma lo scirocco è preceduto da chiari segnali, quindi è possibile prepararsi per tempo.

Gastronomia croata

Per gli amanti del buon cibo e delle bevande, la cucina croata è estremamente varia. Ogni regione ha le sue specialità che dovete assolutamente assaggiare. Fritte, arrostite, alla griglia, al forno: sono decine i metodi utilizzati per preparare le rinomate prelibatezze di questa regione.

La specialità più pregiata è il tartufo bianco. Questo fungo raro e costoso cresce nel cuore dell'Istria. È considerato un gioiello culinario e un potente afrodisiaco. La cucina locale offre altre specialità come il pesce di mare grasso, le sardine in salsa piccante e le capesante.


Uno dei simboli della cucina croata è il prosciutto di Parma, unico e delizioso. La sua tenerezza e il suo sapore squisito saranno apprezzati da tutti i veri buongustai. Il momento migliore per assaggiarlo è la fine di agosto (più a lungo viene essiccato, meglio è) e viene servito soprattutto con formaggio di pecora e olive.

I croati bevono il vino quasi come se fosse acqua. Per dissetarsi, il vino viene diluito: il vino rosso con l'acqua si chiama "bevanda", il vino bianco con l'acqua minerale si chiama "gemišt". Ma se volete assaporare davvero il sapore del vino, bevetelo non diluito.

Importanti regole di navigazione

La velocità massima consentita nei porti, nelle baie, nei canali e nei fiumi croati verso l'Adriatico è di 3-8 kn (nodi). Le imbarcazioni veloci a motore e a vela che viaggiano sulle onde devono mantenere una distanza minima di 300 m dalla riva. Per le imbarcazioni lente (fino a 12 m di lunghezza), la distanza minima dalla riva o dalla catena galleggiante intorno alla spiaggia è di 50 m. Per gli yacht di lunghezza superiore a 12 m, la distanza minima è di 150 m. Barche e yacht possono avvicinarsi a 150 m dalle spiagge non delimitate.

Leggete i nostri articoli sulla Croazia:

Immersioni in Croazia

Per le immersioni in apnea non è richiesto alcun permesso. Per le immersioni individuali è necessario un permesso che può essere acquistato dai subacquei sportivi qualificati presso la capitaneria per un costo di 2400 HRK. Questo documento piuttosto costoso, tuttavia, non è necessario se un subacqueo si immerge sotto la supervisione di un centro subacqueo registrato in Croazia. Dall'agosto 2010, infatti, non è più necessario il brevetto di immersione.


Nelle riserve nazionali e naturali e intorno ai relitti protetti, in linea di principio, è possibile immergersi solo con un centro subacqueo in possesso dell'apposita licenza. È inoltre necessario ottenere i permessi per la pesca subacquea. La pesca con l'attrezzatura subacquea è essenzialmente vietata. Non è possibile portare in barca arpione e attrezzatura subacquea insieme. Anche le immersioni alla ricerca di oggetti antichi sono severamente vietate.

Pesca sportiva in Croazia

È necessario acquistare un permesso per la pesca sportiva, che di solito può essere acquistato presso la capitaneria. Il permesso di un giorno costa 60 HRK, quello di una settimana 300 HRK e quello di un mese 700 HRK. Il permesso annuale può essere acquistato solo dai cittadini con residenza permanente in Croazia.

Contattate yachting°com oggi stesso per la vostra prossima vacanza in barca a vela in Croazia o sfogliate le barche disponibili qui sotto.

Chiedetemi informazioni sulla navigazione in Croazia.

Scriveteci e vi contatteremo: