Seguire il flusso: le correnti oceaniche nel Mar Mediterraneo

Quali correnti oceaniche incontrerete nel Mediterraneo e come possono influenzare la vostra navigazione?

Il Mediterraneo è una delle destinazioni più popolari per i velisti che desiderano uscire con la propria barca e sfidare gli elementi, o per competere con altri velisti in una delle tante regate. Che siate velisti da diporto o agonisti, dovete avere una conoscenza di base di tutto ciò che influisce sulla vostra navigazione. Ciò significa essere in grado dileggere le nuvole e prevedere il tempo, sapere che tipo di venti ci sono nella regione in diversi momenti e comprendere le correnti oceaniche e il loro effetto sulla navigazione. Queste correnti possono essere sia un ostacolo che una gradita spinta. Continuate a leggere per scoprire come usarle a vostro vantaggio.

Cosa sono le correnti oceaniche: il mare non dorme mai

Una corrente oceanica è essenzialmente un grande corpo di acqua marina in continuo movimento a causa di una serie di forze che agiscono su di essa. Si tratta di un ciclo costante di movimenti verticali e orizzontali delle masse d'acqua negli oceani e nei mari. I venti sulla superficie del mare, la diversa pressione dell'acqua a diverse profondità e le forze di marea della luna e del sole contribuiscono alla formazione delle correnti oceaniche. La loro direzione è poi determinata dalla rotazione della Terra e dai venti periodici.

Mappa mondiale illustrativa delle correnti oceaniche con nomi.

Mappa mondiale illustrativa delle correnti oceaniche

Le correnti oceaniche possono essere definite come il risultato di un sistema orizzontale e verticale. Il sistema orizzontale è costituito dalla circolazione delle acque superficiali e profonde. Il sistema verticale è determinato dalle correnti ascendenti e discendenti della massa d'acqua marina. Altri fattori che influenzano la formazione delle correnti oceaniche sono la diversa salinità dell'acqua a diverse profondità, le differenze di temperatura o il livellamento del livello del mare tra mari e oceani. Tutti questi parametri determinano, tra l'altro, la forza della corrente e l'altezza della marea. Per dare un'idea, la velocità delle correnti nel Mediterraneo in mare aperto è di circa 0,5-1 km/h, ma negli stretti, che agiscono come un getto di vento, può aumentare fino a 2-4 km/h. La Corrente del Golfo si muove a 6-10 km/h.

Il Mediterraneo: quali paesi copre

Il Mar Mediterraneo potrebbe essere considerato un lago molto grande, poiché è circondato su tutti i lati dalla terraferma e collegato all'Oceano Atlantico solo dallo stretto di Gibilterra. Se elenchiamo tutti i Paesi in ordine alfabetico, il Mar Mediterraneo bagna le coste di Albania, Algeria, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Egitto, Francia, Grecia, Italia, Israele, Libano, Libia, Malta (Stato insulare), Monaco, Montenegro, Marocco, Slovenia, Spagna, Siria e Turchia. Non sorprende che il Mar Mediterraneo sia conosciuto anche come il ponte tra i tre continenti e, con una superficie di circa 2.500 km², attraversa Africa, Asia ed Europa.

Mappa del Mar Mediterraneo e delle terre circostanti

Ogni costa ha le sue specificità. La varietà del terreno influisce sulla regolarità dei venti, che a loro volta influenzano le correnti , così come la profondità e la temperatura del mare, la sua salinità e il rilievo del fondale. Anche le quattro maggiori penisole del Mediterraneo influenzano le correnti marine : Appennino, Balcani, Iberia e Asia Minore, e le grandi isole come Sicilia, Corsica, Sardegna, Creta, Malta e Rodi. Il Mar Mediterraneo è poi suddiviso in unità più piccole: tra la Costa Azzurra e la Corsica si trova il Mar Ligure; il Mar Adriatico è delimitato dalle coste di Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Italia, Montenegro e Slovenia; tra la Grecia e l'Italia meridionale si trova il Mar Ionio; il Mar Cretese bagna le coste di Creta e della Grecia peninsulare; lo specchio d'acqua tra la Turchia e la Grecia è chiamato Mar Egeo.

Le correnti nel Mediterraneo non sono potenti

Nel Mediterraneo, di solito non si incontrano correnti potenti e molte sono deboli o trascurabili. Ciò è dovuto principalmente alla posizione continentale e al clima. Poiché il Mediterraneo ha un clima caldo o mite per gran parte dell'anno, l'acqua tende a evaporare. L'abbassamento del livello dell'acqua determina quindi l'afflusso di acqua negli strati superiori dall'Oceano Atlantico e dal Mar Nero. Al contrario, a profondità maggiori, dove l'acqua è più salata, il processo funziona al contrario: l'acqua salata affluisce nell'Oceano Atlantico e nel Mar Nero. Le correnti possono quindi fluire dall'Atlantico e dal Mar Nero verso il Mediterraneo o viceversa.


La temperatura del mare lo dimostra facilmente. In generale, il mare è più freddo e fresco a ovest e si riscalda verso est. Quando fa più caldo e l'acqua evapora, ci si può aspettare una corrente di superficie verso il Mediterraneo e viceversa. Le correnti nel Mediterraneo seguono quindi questo afflusso e deflusso, sono dirette dalle coste della terraferma e delle isole e sono maggiormente influenzate dai venti tipici del Mediterraneo. Anche gli stretti tra le isole o tra le isole e la terraferma possono, come nel caso dei venti, agire come un ugello e rafforzare notevolmente la corrente.

CONSIGLIO DI YACHTING.COM: Siete curiosi di conoscere i venti che si verificano regolarmente nel Mediterraneo e che influenzano la forza e la direzione delle correnti nell'area? Leggete la nostra guida dettagliata ai 7 venti più comuni che si incontrano nel Mediterraneo .

Mappa del flusso delle acque superficiali nel Mar Mediterraneo

Fenomeni di marea nel Mediterraneo

Le maree non sono molto forti nel Mediterraneo, anche se ovviamente tutto dipende dal periodo dell'anno e dal vento specifico che soffia. In condizioni normali, il livello del mare cambia di pochi centimetri con la bassa marea e di un metro al massimo con l'alta marea. Ci sono ovviamente delle eccezioni, in cui la marea, insieme al moto ondoso spinto dal mare verso l'interno, può alzare il livello fino a 4 metri (tipicamente nel nord della Corsica o nello Stretto di Genova). Come nel caso delle correnti, anche gli stretti e i canali angusti possono amplificare la marea. Infine, anche il periodo dell'anno gioca un ruolo importante: il Mediterraneo è più turbolento nei mesi invernali, con onde più grandi e correnti più forti.

Marea marina alla luce della luna piena

CONSIGLIO DI YACHTING.COM: Se amate la navigazione più sportiva, la costa tra la Corsica e la Sardegna è l'ideale. Le alte scogliere bianche, le insenature chiuse, le spiagge romantiche e le magiche isole e isolette del Parco della Maddalena nello Stretto di Bonifacio vi trasporteranno in un paradiso dello yachting! Date un'occhiata al nostro articolo, Yachting sfrenato nel mare cristallino della Corsica meridionale e dello Stretto di Bonifacio, dove vi consigliamo anche la migliore rotta da seguire.

Perché è importante per i marinai monitorare la temperatura del mare

A prima vista, può sembrare che determinare la temperatura dell'acqua non sia esattamente una scienza missilistica. O il tempo è caldo e soleggiato e l'acqua è calda, o è nuvoloso e fresco e l'acqua è fredda. In realtà, non è così semplice: la temperatura del mare è influenzata da una serie di fattori. Tanto per cominciare, la temperatura è influenzata da elementi che non subiscono fluttuazioni significative nel tempo, come il rilievo del fondale marino o la profondità. Poi ci sono le variabili che variano continuamente. Queste includono principalmente la quantità di radiazione solare, le correnti e le fluttuazioni di pressione a varie profondità dell'acqua (gradiente di temperatura). Le variazioni della temperatura del mare possono quindi dirci molto sulle correnti.


Considerate il seguente scenario: state navigando con un bel tempo soleggiato e il mezzo metro circa di acqua sotto la superficie è riscaldato dai raggi solari. Tuttavia, questi non arrivano molto più in là, quindi l'acqua è sostanzialmente più fredda a 10-20 metri di profondità (cinque gradi Celsius o più). Queste differenze di temperatura portano alla convezione, un movimento verticale verso l'alto che cerca di appianare o ridurre le differenze di temperatura. A quel punto si crea una corrente verticale.

Diagramma del rimescolamento delle acque superficiali e profonde, le correnti ascensionali portano l'acqua fredda dal fondo dell'oceano verso la superficie

Ilvento e le correnti hanno un impatto maggiore sulla variazione della temperatura superficiale dell'acqua marina. I venti provocano la formazione di onde in mare, che accelerano il rimescolamento degli strati inferiori e superiori dell'acqua, con conseguente riduzione della temperatura superficiale. Logicamente, quindi, più forte è il vento, più intenso è il rimescolamento e più fredda è l'acqua. Le correnti che mescolano l'acqua funzionano in modo simile.

Da che parte scorrono le correnti nel Mediterraneo?

In generale, nel Mediterraneo meridionale le correnti scorrono tipicamente da ovest a est, a nord scorrono da est a ovest e al centro del Mediterraneo le correnti si muovono in vortici che possono essere lunghi centinaia di chilometri. Il navigatore ha quindi a disposizione tre variabili (radiazione solare, vento e correnti) che determinano la temperatura del mare e da cui stimare le correnti.

Le onde di acqua marina incontrano le rocce appuntite sottomarine e creano vortici.

Come prepararsi a navigare con le correnti oceaniche

Sebbene le correnti nel Mediterraneo non siano molto forti, i preparativi per la navigazione in corrente sono di solito a carico del navigatore o del capitano. In un determinato luogo, la forza e la direzione delle correnti cambiano continuamente, anche se spesso si ripetono periodicamente e si comportano in modo prevedibile. Questa è una buona notizia per il navigatore o lo skipper, perché possono prevedere le correnti sulla base di dati storici dettagliati, tabelle, carte o mappe.

Cosa fare prima di salpare?

Prima di salpare, è consigliabile stilare una lista di dati utili, che dovrebbe includere informazioni sul pescaggio dell'imbarcazione, sui tempi di marea previsti, sull'altezza, sulla portata, sulla velocità e sulla direzione. Verificate il comportamento generale della corrente nel luogo in cui vi troverete a navigare, in particolare nei bassi fondali, agli ingressi dei porti, ai promontori, agli estuari, ai banchi di sabbia, ecc. Non dimenticate di includere le previsioni del tempo nella vostra preparazione e di avere un piano di riserva in caso di maltempo. Con tutte queste informazioni, sarete in grado di pianificare con precisione le date di partenza e di arrivo al porto, di sfruttare le correnti di marea per ridurre i tempi di percorrenza e di evitare i potenziali pericoli che correnti e maree possono causare.

SUGGERIMENTO DI YACHTING.COM: Non siete abbastanza audaci per navigare da soli nel Mediterraneo? Usate i servizi di uno dei nostri capitani esperti o seguite un corso per skipper.

Consigli pratici per navigare nelle correnti oceaniche: non affidatevi al pilota automatico

La navigazione in corrente ha caratteristiche uniche che dipendono dal luogo in cui si naviga, dalla forza del vento e dalla sua direzione rispetto alla corrente. Sebbene le correnti nel Mediterraneo non siano in genere molto potenti, prima della partenza è comunque opportuno studiare le carte nautiche, che mostrano le correnti abituali sulla vostra rotta, e controllare le previsioni meteo dettagliate. Una regola di base è che più il vento è leggero e le onde sono piccole, più la corrente, la marea o il moto ondoso influenzeranno la vostra barca. In acqua, fate attenzione a boe, barche ancorate, onde che si infrangono o altri ostacoli che la corrente deve aggirare per avere un'idea di dove scorre, se si infrange e quanto è forte. La corrente può essere sia amica che nemica.

Vento vero, vento alla velocità della barca e vento apparente

La forza della corrente marina rispetto al vento e la sua direzione determinano l'assetto e l'assetto della barca. L'intero principio si basa sui concetti di vento vero, vento di velocità e vento apparente. Il vento vero è il vento che misuriamo in posizione stazionaria su un anemometro. Il vento indotto (vento di velocità dell'imbarcazione) è la resistenza opposta all'aria mentre ci muoviamo (ad esempio, se ci muoviamo a 30 km/h in assenza di vento, il vento indotto sarà di 30 km/h). Il vento apparente è una combinazione di queste due forze.


Ilvento apparente si allontana sempre di più dalla prua dell'imbarcazione, che cambia velocità in base alla rotta che sta percorrendo. Se si aggiungono le onde, dove il passaggio dalla cima di un'onda al pendio tra le onde fa letteralmente scalciare la barca, il vento contrario cambia e così anche il vento apparente. Si tratta di un'informazione importante soprattutto per gli skipper che utilizzano il pilota automatico. Quest'ultimo non rileva il vento reale, ma solo quello apparente, e cerca di cambiare rotta in modo che il vento apparente continui a soffiare dalla stessa direzione. Questo può portare a spiacevoli manovre a sorpresa, soprattutto quando si naviga con vento in poppa e la barca stramba.

SUGGERIMENTO DI YACHTING.COM: se si utilizza spesso un autopilota, vale la pena di investire in un dispositivo con funzione di vento apparente.

Barca a vela con spinnaker in mare aperto

La capacità di calcolare la velocità del vento apparente in base al vento reale e a quello indotto vi risparmierà anche molti problemi di regolazione e terzaroli quando navigate contro o con la corrente. Come regola generale, se il vento proviene dalla stessa direzione della corrente, potete permettervi di appiattire le vele perché siete spinti sia dal vento che dalla corrente. Se la corrente scorre in direzione opposta al vento, conviene tenere le vele più basse o avvolgerle ai pennoni superiori per ottenere una maggiore accelerazione.

Quale barca a vela prenderete per affrontare vento, onde e correnti?

Siamo qui per aiutarvi a scegliere la barca, la destinazione e la stagione giusta per la vostra vacanza da sogno. Contattateci.

FAQ: Come navigare e fare rotta nelle correnti del Mediterraneo